Biodiversità

 

 

 

 

 

La conoscenza della vegetazione, delle associazioni vegetali,

che contraddistinguono  differenti situazioni climatiche e

pedologiche, esistenti o potenziali, costituisce la base della conoscenza

del territori.( Carta della vegetazione  Ruggero Tommaselli,1970).

Nel mondo non ci sono mai state due opinioni uguali. Non più di quanto ci siano mai stati due capelli o due grani identici: la qualità più universale è la diversità.

(Michel de Montaigne)

Secondo la FAO  120 specie forniscono il 90 per cento degli alimenti. Soltanto 12 specie  vegetali e 5 specie animali forniscono  il 70 per cento del cibo. Soltanto 4 specie vegetali (riso, mais, patata e grano) forniscono più del 50 per cento e tre specie animali (suini, bovini e polli) forniscono più della metà. La standardizzazione alimentare limita il benessere e inibisce le potenzialità  future di personalizzare i modelli alimentari (nutraceutica). (Josè  Esquinas  Alcazar 1994)[1]

pecora12009-06-15 13.25.56-4

 

 

 

 

 

[1] “Linee guida per la conservazione e la caratterizzazione della biodiversità vegetale, animale e microbica di interesse per l’agricoltura” (http://www.reterurale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/9580).

Il lavoro, realizzato con il contributo del Mipaaf nell’ambito del programma di attività per l’attuazione del Piano Nazionale per la Biodiversità di interesse agricolo, e con la supervisione del Comitato Permanente per le Risorse Genetiche in Agricoltura, contiene linee operative indirizzate alle esigenze di tutti gli operatori che si occupano di biodiversità, che si tratti di agricoltori, esperti del mondo accademico o funzionari delle amministrazioni. Le Linee guida sono uno strumento necessario per la conservazione e la caratterizzazione delle specie, varietà e razze locali in grado di dare piena attuazione al Piano Nazionale per la Biodiversità di interesse agricolo. È il primo significativo lavoro nel quale si propongono oltre alle linee operative per la tutela della biodiversità animale e vegetale anche quelle microbiche di interesse alimentare e del suolo.